La felicità

venerdì 10 marzo 2023, ore 21
sabato 06 maggio 2023 e sabato 13 maggio 2023, ore 21

Sto al n.26. Secondo piano. Purtroppo quel modello di carrozzina turbo a quattro marce non entra nell’ascensore. La residenza “LA PACE” è signorile ed elegante, la migliore della città. E i prezzi concorrenziali a causa di quella vecchia polemica sull’ubicazione dell’edificio. Davanti al cimitero. Attraversi la strada e sei arrivato. Hanno pure messo il semaforo a chiamata. Io e il mio amico Momo l’abbiamo trovata un’idea geniale. Non serve neppure il carro funebre. Puoi usare quei carrelli con le ruote che sfrecciano nel refettorio. La cuoca li guida benissimo. È la Leclerc delle cuoche. Un bel risparmio per i parenti. Purtroppo l’altro ieri il mio amico Momo, ex-professore di storia moderna è morto. Aveva 82 anni, tre meno di me. Sapeva elencare tutte le guerre in atto, in ordine alfabetico. Erano 59 la settimana scorsa. Oggi forse 60. Io e Momo eravamo inseparabili, lui stava al 27, l’unica stanza col terrazzino, aiuole e Tarà e Tarù, le due tartarughe, inseparabili come noi due, io e Momo. Fino a sei mesi fa, il giorno più brutto della mia vita, nel quale, caro Momo, ti sei sposato con la figlia della signora Angiolina che sta al 18, primo piano. La chiamavi mademoiselle. Tu 82 anni e lei 40. Una moglie all’età tua, vergognosaccio! Mi par chiaro che sei morto così precipitosamente per causa sua. E mi hai lasciato solo. Ora per sentirti ancora vicino ti racconto tutte le sere le notizie dal mondo, e non provo rancore. Adesso che non ci sei più, guardo molto la TV. Ho visto una pubblicità che spiega che quando le api si estingueranno, anche l’uomo si estinguerà. È pubblicità ingannevole perché l’uomo si estinguerà prima delle api. Ti racconto soprattutto della tua mogliettina, un curriculum da fare invidia. Non è una che perde tempo né ora che sei attuffato in una fossa né prima quando credevi di essere vivo… Vergognati anche da morto! Io intanto non me la passo male, ho fatto amicizia con un usignolo, viene a trovarmi sul davanzale della finestra, prima lui canta e io dopo gli recito il passero solitario. Alla residenza “La Pace” la vita scorre tranquilla a parte quel topo che si è presentato in refettorio all’ora di pranzo. Ho avuto una discussione con la direttrice, mi vuole impedire di andare a trovare la signora Francesca, quella col catetere permanente, le sponde al letto e l’ossigeno, che sta alla stanza 22. Forse mi ci fidanzo. Per farti dispetto.

(liberamente ispirato a “Notizie dal mondo” di Luigi Pirandello)

con Giovanni Mongiano e Valerio Rollone
costumi Rosanna Franco
aiuto-regia Paola Vigna
assistente di scena Crescenzo Ventre
light design Simone Valmacco
musiche David Lang, Pink Floyd, Vangelis
regia Giovanni Mongiano
produzione TeatroLieve

Una risposta a “La felicità”

  1. Salve ero interessata a vedere “La felicità”, ma purtroppo per motivi lavorativi non ho potuto venire. Con mio grosso dispiacere.
    Vi chiederei una cortesia, se possibile, mandarmi gli avvisi su sms (o whatsapp se preferite) oltre o al posto della mail.
    num. cell. 3930914124
    Cordiali saluti.
    Monica Masciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *